Sei nato tra il 1985 e il 2004?

Hai vissuto per almeno 5 anni nell’AREA ROSSA contaminata da PFAS?

Partecipa allo STUDIO CASO CONTROLLO SULLA SALUTE RIPRODUTTIVA IN GIOVANI UOMINI PROVENIENTI DA ZONE AD ALTO INQUINAMENTO DA PFAS

Dai il tuo contributo alla ricerca scientifica prendendoti cura della tua salute!

Quali sono gli obiettivi dello studio?

1) valutare se esiste una relazione di causa-effetto tra l’esposizione a PFAS e la presenza di condizioni di alterazione della fertilità maschile. L’esposizione di ciascun partecipante verrà valutata sia tramite il dosaggio dei PFAS nel suo sangue e nel suo liquido seminale, sia valutando se è stato esposto ai PFAS ancora prima di nascere, nella sua vita fetale, durante la gravidanza materna;

2) verificare la possibilità di rilevare delle soglie di tossicità, in termini di concentrazione ematica, al di sopra delle quali il rischio di danni alla fertilità maschile è più probabile. Questo consentirebbe la possibilità di elaborare alcuni semplici criteri che permettano poi di identificare, in tutta la popolazione generale maschile non solo della zona rossa, in età fertile, ed esposta ai PFAS, i soggetti a rischio di compromessa fertilità maschile.


Com’è strutturato?

Si tratta di uno studio retrospettivo caso-controllo. Come dimensione campionaria si stima sia sufficiente, per avere risultati statisticamente significativi, un numero di circa 200 casi e 700 controlli.

Gli accertamenti previsti dal protocollo per valutare la fertilità maschile, offerti ai partecipanti gratuitamente, sono i seguenti:

VISITA ANDROLOGICA con misurazione della circonferenza addominale, dei valori pressori, e l’esame obiettivo dei genitali maschili;

ECOGRAFIA TESTICOLARE per il controllo della morfologia e volume dei testicoli;

DENSITOMETRIA OSSEA per il controllo dello stato di salute delle ossa;

SPERMIOGRAMMA per la valutazione del numero e motilità degli spermatozoi;

DOSAGGIO EMATICO ormoni maschili, della vitamina D, della glicemia, trigliceridi e colesterolo.


Qual è il significato scientifico dello studio?

Se si riusciranno a raggiungere gli obbiettivi previsti, si tratta dello studio epidemiologico più esteso e completo finora pubblicato su questo argomento, condotto su una popolazione con alti livelli sierici di PFAS, perché esposta per decenni a contaminazione tramite acqua potabile. Finora infatti gli studi pubblicati in letteratura internazionale non hanno consentito di giungere a conclusioni certe sulla nocività dei PFAS sulla salute riproduttiva maschile, perché la quasi totalità di questi studi sono stati condotti su popolazione generale, con bassi livelli di concentrazione ematiche di PFAS, perché esposta occasionalmente a queste sostanze.


E il suo significato etico?

Lo studio è stato pensato per trasmettere ai partecipanti il significato – importantissimo – della prevenzione, in questo caso in ambito andrologico.

Livelli più elevati di esposizione ai PFAS possono aumentare le possibilità di Covid

La conferma arriva da quattro studi pubblicati di recente secondo cui i Pfas, noti immunotossici, sono in grado di ostacolare la capacità dell’organismo di combattere il Covid-19. Anche uno studio condotto in Veneto aveva fornito una simile suggestione.

I ricercatori hanno temuto fin dall'inizio della pandemia di Coronavirus che i PFAS , noti per essere immunotossici, potessero ostacolare la capacità dell'organismo di combattere il Covid-19 e i recenti studi rappresentano il primo pezzo di ricerca a sostegno della teoria.

"C'è una chiara prova che la risposta immunologica e PFAS sono collegati e associati - ecco perché l'aspetto Covid è così importante da perseguire", ha affermato Christel Nielsen, uno dei coautori dello studio svedese.

Studi pre-pandemici hanno fortemente suggerito che le sostanze chimiche riducano l'efficacia del vaccino nei bambini e sono in corso diversi studi sull'impatto dei livelli elevati di PFAS sui vaccini Covid.

Le sostanze chimiche sono probabilmente immunotossiche perché interferiscono con la capacità del corpo di creare cellule che si trasformano in plasmacellule. Il plasma genera gli anticorpi che combattono le infezioni e i composti PFAS sembrano avere un impatto sulle "molecole chiave" in quel processo, ha affermato Phillipe Grandjean, professore di salute ambientale ad Harvard.

Uno studio di cui è coautore ha scoperto che un composto ampiamente utilizzato, il PFBA , sembrava essere particolarmente problematico. I PFAS comunemente usati per respingere l'acqua e il grasso negli imballaggi alimentari, o usati come agenti smacchianti e impermeabilizzanti nei vestiti, scarpe e moquette possono trasformarsi in PFBA quando si rompono.

Gli autori dello studio hanno controllato campioni di plasma di 323 residenti danesi che avevano il Covid e hanno cercato cinque composti PFAS noti per essere immunotossici. Lo studio ha rilevato che il PFBA presente nel plasma ha dimostrato "una chiara associazione con sintomi più gravi" e morte.

"Se avevi PFBA nel sangue, era più probabile che andassi in ospedale, e rimanessi più a lungo, entrassi in terapia intensiva e morissi a causa dell'infezione", ha detto Grandjean.

L'industria chimica afferma che i composti "a catena corta" come il PFBA sono sicuri perché rimangono nel sangue per molto meno tempo rispetto agli altri PFAS, ma lo studio mette in dubbio tale affermazione. A differenza di altri PFAS che si accumulano nel sangue, il PFBA si accumula nei polmoni e sembra aggravare i sintomi Covid dato che il virus colpisce quella parte.

I ricercatori in Svezia hanno controllato i tassi di infezione dal primo anno della pandemia a Ronneby, una città di circa 30.000 abitanti in cui un terzo della popolazione è stato esposto per decenni ad acqua potabile altamente contaminata e l'intera popolazione ha livelli ematici elevati.

Il tasso di infezione era di circa il 19% superiore rispetto a una città vicina con acqua che non aveva livelli elevati di PFAS.

Ricercatori cinesi con un obiettivo simile hanno controllato campioni di sangue e urina di 160 residenti nelle province di Shanxi e Shandong, due regioni fortemente inquinate dai PFAS. Lo studio ha confrontato 80 campioni di persone che erano risultate positive al Covid e 80 che non erano mai state infettate, e ha riscontrato "rischi significativamente più elevati di infezione Covid-19 nei soggetti con aumento del PFOS e PFOA urinario", due dei più tossici e composti ampiamente utilizzati.

Uno studio in Italia ha esaminato i tassi di morbilità tra coloro che sono stati esposti a livelli elevati di sostanze chimiche per 65 anni nella regione Veneto. Un esame di una popolazione di 200.000 persone ha rilevato che coloro che sono stati esposti a livelli elevati di PFAS avevano un tasso di mortalità Covid superiore del 27%. La popolazione è stata esposta a un mix di almeno 12 composti, che includevano anche PFBA.

I dati "potrebbero plausibilmente suggerire un effetto immunosoppressivo generale dei PFAS, potrebbe essere un effetto abbastanza specifico del PFBA che si concentra nei polmoni aggravando la tossicità respiratoria provocata dal Covid, oppure i PFAS potrebbe portare ad altre condizioni che predispongono le persone con infezione da Coronavirus a malattie più gravi" , riferiscono gli autori dello studio.

Il coautore Annibale Biggeri ha definito la questione "un'ingiustizia", ​​aggiungendo che i PFAS possono anche aumentare la probabilità di una variante poichè il virus tendera' a rimanere nei corpi più a lungo.

Il progetto Tracing the Environmental Determinants of the Development of Your Child per gli amici progetto “TEDDY Child”, nasce presso il Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione dell’Università degli Studi di Padova.


Il progetto ha l’obiettivo di ampliare le conoscenze circa gli effetti di sostanze inquinanti presenti nell’aria e nell’acqua sullo sviluppo dei bambini.

In particolare, si intendono raccogliere informazioni volte a comprendere meglio i possibili effetti delle sostanze inquinanti sullo sviluppo cognitivo, emotivo e sociale dei bambini residenti in aree interessate dall’inquinamento PFAS nel territorio regionale veneto.

A condurre la ricerca è un gruppo di ricerca interdisciplinare composto da psicologi e statistici che lavora in aree relative allo sviluppo cognitivo e socio-emotivo.


Di seguito l'estratto dalla pubblicazione dei primi risultati dello Studio Teddy Child, avvenuta in data 14 aprile 2022 sulla rivista scientifica Springer/Environmental Science and Pollution Research.

Da questo primo articolo si evidenzia il fatto che per le mamme che vivono in area rossa, ad alta contaminazione da PFAS, chi ha fatto più figli ed ha allattato di più, ha una concentrazione minore di PFAS nel proprio organismo.

Ciò non significa che queste sostanze siano sparite grazie alle gravidanze e agli allattamenti, ma semplicemente si sono trasferite nell'organismo dei figli.

Il gruppo di ricerca, guidato dal Dott. Paolo Girardi, fa sapere che seguiranno altre pubblicazioni in merito e che riguarderanno in modo specifico l'influenza sullo sviluppo neurocomportamentale nell'età pediatrica.

Paolo Girardi ,Alice Lupo ,Libera Ylenia Mastromatteo &Sara Scrimin

La contaminazione diffusa delle acque superficiali, potabili e sotterranee da parte di sostanze perfluoroalchiliche (PFAS) è stata scoperta nella Regione Veneto (nord-est dell'Italia) nel 2013. Le madri dell'area contaminata erano preoccupate per gli effetti dei PFAS sulla propria salute e sui propri figli. Abbiamo determinato i fattori che hanno influenzato il rischio percepito di PFAS e la presenza di malattie auto-riferite conducendo uno studio con 384 madri di bambini di età compresa tra 1 e 13 anni che vivono nell'area contaminata (Zona Rossa, Veneto, Italia). Le informazioni sulla demografia, le fonti di esposizione e lo stato di salute delle madri sono state raccolte attraverso un sondaggio online. La concentrazione sierica di PFAS è stata registrata per alcuni dei partecipanti. Abbiamo determinato i fattori che influenzano il rischio percepito, il rischio di esiti per la salute, e livelli sierici di PFAS attraverso analisi di regressione. Il rischio percepito dalle madri da parte del PFAS è aumentato con l'aumento della fiducia nelle istituzioni scientifiche e nei social media, e quando erano presenti molti amici, la fiducia nella politica e nel lavoro a tempo pieno ha avuto un effetto protettivo. Il rischio percepito dal PFAS ha aumentato le occorrenze di malattie auto-riferite e autoimmuni. La permanenza più lunga (> 20 anni) nella zona più esposta (Zona Rossa A) ha aumentato la frequenza di alcuni esiti sanitari. Le concentrazioni sieriche di PFAS sono diminuite con l'allattamento al seno, ma sono aumentate con il consumo di acqua del rubinetto, la residenza nella Zona Rossa A e il tempo di permanenza. Il rischio percepito dal PFAS delle madri era associato a molti fattori che hanno influenzato la segnalazione di problemi di salute. L'associazione tra esposizione a PFAS e risultati sulla salute necessita di ulteriori indagini. Il rischio percepito dalle madri da parte del PFAS è aumentato con l'aumento della fiducia nelle istituzioni scientifiche e nei social media, e quando erano presenti molti amici, la fiducia nella politica e nel lavoro a tempo pieno ha avuto un effetto protettivo. Il rischio percepito dal PFAS ha aumentato le occorrenze di malattie auto-riferite e autoimmuni. La permanenza più lunga (> 20 anni) nella zona più esposta (Zona Rossa A) ha aumentato la frequenza di alcuni esiti sanitari. Le concentrazioni sieriche di PFAS sono diminuite con l'allattamento al seno, ma sono aumentate con il consumo di acqua del rubinetto, la residenza nella Zona Rossa A e il tempo di permanenza. Il rischio percepito dal PFAS delle madri era associato a molti fattori che hanno influenzato la segnalazione di problemi di salute. L'associazione tra esposizione a PFAS e risultati sulla salute necessita di ulteriori indagini. Il rischio percepito dalle madri da parte del PFAS è aumentato con l'aumento della fiducia nelle istituzioni scientifiche e nei social media, e quando erano presenti molti amici, la fiducia nella politica e nel lavoro a tempo pieno ha avuto un effetto protettivo. Il rischio percepito dal PFAS ha aumentato le occorrenze di malattie auto-riferite e autoimmuni. La permanenza più lunga (> 20 anni) nella zona più esposta (Zona Rossa A) ha aumentato la frequenza di alcuni esiti sanitari. Le concentrazioni sieriche di PFAS sono diminuite con l'allattamento al seno, ma sono aumentate con il consumo di acqua del rubinetto, la residenza nella Zona Rossa A e il tempo di permanenza. Il rischio percepito dal PFAS delle madri era associato a molti fattori che hanno influenzato la segnalazione di problemi di salute. L'associazione tra esposizione a PFAS e risultati sulla salute necessita di ulteriori indagini.

MAMME NO PFAS

Vicenza | Padova | Verona

T. 0444 179 30 30

info@mammenopfas.org