16.09.21 PROCESSO MITENI


Domani si terrà una nuova udienza del processo PFAS presso l'aula C della Corte d'Assise di Vicenza.

Le Mamme No Pfas saranno presenti come parte civile ma anche nella veste di sentinelle perché il corso della giustizia continui senza ulteriori ritardi. Già molto tempo è stato perso.

Durante l'udienza di domani saranno prese alcune decisioni importanti per il prosieguo del procedimento. Sono state infatti sollevate dai difensori degli imputati alcune questioni preliminari: ad esempio, è stata chiesta l'estromissione dei responsabili civili (sia del fallimento perché asseritamente sottoposto alla giurisdizione esclusiva del Giudice Fallimentare, sia delle multinazionali perché non avrebbero partecipato ad un accertamento irripetibile). Altre questioni preliminari verranno sollevate in sede di udienza, come già preannunciato dai difensori degli imputati. Confidiamo che domani vengano tutte rigettate dalla Corte d’assise, presieduta da Antonella Crea con giudice a latere Chiara Cuzzi, e composta anche da sei giudici popolari.

Alla vigilia di tutto ciò si sta cercando di capire anche l'evolversi di alcune situazioni complicate, che la burocrazia ed una certa dose di ostruzionismo stanno velando dietro una cortina alquanto fastidiosa: la bonifica dell'ex-sito Miteni, le analisi delle matrici alimentari e i limiti allo scarico delle acque.

Come sempre, la caparbietà che ci contraddistingue ci permetterà di arrivare a delle conclusioni, ma speriamo in cuor nostro che siano altri ad anticiparci e a fissare leggi e norme precauzionali per il bene di tutti.


FACCE DA PFAS è un progetto delle Mamme No Pfas attraverso il quale le persone, che lo desiderano, possono partecipare liberamente senza alcun vincolo mettendo la propria FACCIA a testimonianza di quanto accaduto in Veneto. Noi abbiamo usato la fotografia, ciò che ferma il tempo per un millesimo di secondo e ritrae l'espressione dei volti delle persone che con un cartello in mano denunciano e chiedono per loro e le proprie famiglie. Purtroppo la pandemia ha bloccato molte nostre idee, ma ci ripromettiamo di tornare presto nelle piazze, nei parchi dove poter incontrare ed invitare a condividere questa bellissima iniziativa.
«Permettere che la conoscenza sia confinata non risolverà il problema, qualsiasi esso sia»

Seguici su Instagram al seguente link

Ci siamo impegnate a pagare PER TUTTI i consulenti che ci aiuteranno a provare la colpevolezza e condannare i responsabili del più grave inquinamento da PFAS al mondo.



Sostienici






Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter

MAMME NO PFAS

Vicenza | Padova | Verona

T. 0444 179 30 30

info@mammenopfas.org